Domenica 26 Marzo 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico

Notizie
Il Consiglio Comunale nella riunione del 3 settembre 2012 ha avallato una grossa operazione messe in atto dall’amministrazione.
Si tratta dell’acquisto di un capannone da un privato, per adibirlo a ricovero mezzi comunali e magazzino per i cantonieri comunali. L’importo è consistente, 365.000 euro, ma ritenuto quasi da tutti un "buon affare", quanto meno dal punto di vista economico.
Qualche perplessità in più è emersa dai rappresentanti della minoranza, circa la priorità di questo intervento. «Si tratta di un’operazione non indifferente per il nostro Comune, sulla quale non posso esprimermi appieno, non avendo potuto visitare il fabbricato. Chiedo peró se siano già state previste le operazione ed i costi per lo smantellamento dell’attuale magazzino comunale» ha osservato il consigliere di opposizione Alessandro Gelsomino.
Il tetto dell’attuale magazzino, sito in Via Borgna, è in eternit, per cui occorrerà adottare tutte le precauzioni del caso per lo smantellamento. Dopo di che, ha risposto il sindaco Roberto Moine, il costo sarà relativo perché la struttura è in ferro e con la sua alienazione si potrebbero compensare i costi di demolizione.
«Da tempo abbiamo informato i consiglieri circa questa nostra intenzione. I tempi si sono allungati un po’, ma siamo riusciti ad evitare l’Iva, il che ci ha permesso di acquisire anche tutto il terreno circostante il fabbricato. Avremo 6.000 mq complessivi, di cui 1.000 mq coperti, a disposizione del Comune, che potrebbe anche trasferire lì la sede della Croce Verde. L’attuale magazzino comunale, vecchio di 50-60 anni, è in condizioni fatiscenti e dalla sua demolizione si libererà un’ampia area a disposizione nei pressi del plesso scolastico» aveva spiegato il sindaco Roberto Moine illustrando il punto all’ordine del giorno.
«Tu dici che è tutto bello, ma io mi chiedo: se l’operazione è così vantaggiosa, come mai nessuno finora l’ha comprato? Inoltre, finanziando l’acquisto con un mutuo, non rischiamo di essere poi scoperti a fronte di eventuali altre esigenze per il paese? Non avrei visto male, ad esempio, il completamento dell’ex asilo, dove si potrebbe trasferire la sala consiliare, liberando gli attuali spazi ad uffici comunali e risolvendo così il problema delle barriere architettoniche nel municipio. Mi auguro che ci siano poi ancora i soldi per fare altro, evitando di ricorrere a nuovi aumenti dell’addizionale Irpef, dell’Imu o di altre tasse a carico delle famiglie, che già non ce la fanno più a causa della crisi» ha sottolineato con fermezza il consigliere di minoranza Raimondo Sacco.
«Per quanto riguarda l’ex asilo abbiamo affidato un incarico progettuale sei mesi fa, ma si sono incontrati ostacoli burocratici notevoli, forse finalmente risolti. Sarà comunque questo uno degli obbiettivi del 2013. Per il resto abbiamo investito molto sulle strade, sulle scuole ecc. . .» è stata la replica del sindaco.
«Tutte le amministrazioni che si sono succedute negli ultimi decenni hanno sempre previsto la risoluzione del problema magazzino e sala polivalente. Ora noi raggiungiamo questo obbiettivo. Considero questo acquisto come una delle cinque opere più importanti realizzate a Sanfront negli ultimi 30 anni» ha aggiunto il vice sindaco Emidio Meirone, evidenziando il suo convinto sostegno all’operazione, anche se poi si è astenuto per ragioni di opportunità, vista la parentela che lo lega al venditore.
Alla fine l’operazione è andata in porto con l’astensione dei tre consiglieri di minoranza presenti e, come detto, del vice sindaco.
Tra gli altri argomenti affrontati nel corso del consiglio comunale merita una segnalazione l’adesione al progetto di candidatura del Monviso e del suo territorio limitrofo ad Area della Bisfera MaB Unesco. Tale adesione ha raccolto il consenso di tutto il consiglio, compreso il sindaco Roberto Moine, il quale ha chiarito di votare "non con entusiasmo" questo provvedimento, in quanto, a suo parere, esistono differenze abissali tra i territori del Monviso e quello del Queyras. Convintissimo invece il sostegno al progetto da parte del vice sindaco Emidio Meirone e del consigliere di minoranza Raimondo Sacco, che già quand’era vice presidente del Parco del Po aveva caldeggiato questa iniziativa, che rappresenta, ha sottolineato, un’opportunità dal punto di vista turistico per il territorio.


© 2014 Comune di SANFRONT - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI SANFRONT
Piazza Statuto, 2 - 12030 (CN)
Tel. 0175.948119
Fax 0175.948867
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004209
Codice catastale: H852
Codice fiscale:
85002210046
Partita IVA:
00564590040
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 18 M 06295 46770 T20990010046
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento