Lunedì 22 Maggio 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico

Notizie
L’esame ed approvazione del bilancio previsionale 2013 ha suscitato un po’ di discussione nel corso del consiglio comunale di venerdì 26 luglio.
«Siamo indispettiti perché il consiglio comunale nel quale si approva il bilancio del 2013 è stato convocato all’ora dell’aperitivo. Nel merito, poi, crediamo non ci sia molto da dire su questo bilancio» è stato il commento del capogruppo di minoranza Umberto Borsetti, dichiarazione che provocato una vibrante replica del sindaco.
«Non è vero che non c’è niente nel bilancio. Certo non sono più i bilanci di qualche anno fa, ma mentre altri Comuni hanno tagliato le indennità ai funzionari o applicato una Tares molto pesante, noi siamo riusciti a non aumentare le tasse per il 2013 ed a garantire tutti i servizi per i cittadini, soprattutto non toccando in alcun modo il sociale e le fasce più deboli. In più riusciremo anche a realizzare qualche intervento pubblico, come la ristrutturazione dell’ex asilo, la sistemazione di strade, giardini e parchi, oltre a mettere mano ad una variante al Piano Regolatore» ha risposto il primo cittadino Roberto Moine.
Un bilancio, quello del 2013, che pareggia sulla cifra di 2.438.000 euro. "Qui si naviga a vista" ha esordito il sindaco, per spiegare il clima di incertezza che regna nei Comuni, con lo Stato in ritardo nei trasferimenti e le amministrazioni locali costrette a fare i conti con le sempre minori risorse a disposizione.
Ciononostante, ha ribadito Moine, le tariffe sono state tutte confermate.
Alla fine il documento programmatico è stato approvato con i voti favorevoli della maggioranza e l’astensione della minoranza.
La seduta si era aperta con l’approvazione di un ordine del giorno relativo all’ipotesi di soppressione della linea ferroviaria Cuneo-Ventimiglia-Nizza.
Si è quindi passati ad approvare, anzi a confermare le aliquote Imu per il 2013. «Quest’anno l’Imu resta praticamente tutta nelle casse dei Comuni, ma saranno tagliati i trasferimenti statali, per cui a conti fatti non sappiamo quanto ci resterà» ha spiegato il sindaco, mentre la minoranza, ricordando come lo scorso anno si fosse detta contraria a questo provvedimento, ha deciso di astenersi.
Astensione del gruppo "Al servizio del paese" anche sulla conferma delle aliquote di addizionale Irpef.
È stato poi introdotto il capitolo Tares, la nuova tassa per il servizio rifiuti. Roberto Moine, illustrando il Regolamento, ha elogiato il segretario e gli uffici comunali per il prezioso lavoro compiuto, al fine di adeguarsi a quanto prevede la normativa, ma applicando tutti i correttivi possibili in modo da ridurre al massimo le evidenti sperequazioni che si vengono a creare.
Come in altri Comuni, anche a Sanfront alcune attività commerciali finiranno per pagare molto di più rispetto allo scorso anno, mentre le banche "patiranno" molto di meno la Tares. Per quanto riguarda le abitazioni civili si è deciso di tenere conto della superficie (50%) e del numero dei componenti il nucleo famigliare (50%).
Va detto poi che, oltre a garantire la copertura totale dei costi del servizio, la legge prevede che 0,30 euro a mq in più vadano allo Stato.
Dopo aver accolto una proposta della minoranza il Regolamento Tares è stato messo ai voti ed approvato con tutti i voti favorevoli, tranne il consigliere di minoranza Federico Bonansea, che si è astenuto perché non si terrebbe sufficientemente conto delle seconde case sparse in zone di montagna, che finirebbero per pagare come le altre.
Sulle tariffe vere e proprie della Tares per il 2013 la minoranza si è astenuta invece in maniera compatta.


© 2014 Comune di SANFRONT - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI SANFRONT
Piazza Statuto, 2 - 12030 (CN)
Tel. 0175.948119
Fax 0175.948867
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004209
Codice catastale: H852
Codice fiscale:
85002210046
Partita IVA:
00564590040
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 18 M 06295 46770 T20990010046
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento