Sabato 19 Agosto 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico

Notizie
Una seduta particolare quella del consiglio comunale di lunedì 1° luglio. I lavori dell’assemblea sono stati infatti coordinati dal vice sindaco Emidio Meirone, vista l’assenza del sindaco Roberto Moine e l’indisposizione del presidente del consiglio Annarosa Rudari, presente, ma impossibilitata a guidare la riunione.
Otto i punti all’ordine del giorno, approvati tutti senza particolari discussioni e con il consenso unanime di tutti i consiglieri presenti.
Il piatto forte della serata è stato indubbiamente l’approvazione dello Statuto dell’Unione Montana dei Comuni del Monviso, l’ente costituito per gestire l’esercizio associato e coordinato di funzioni e servizi, come previsto dalla nuova normativa vigente.
Dopo la cancellazione delle Comunità Montane, i Comuni montani dovevano scegliere se optare per l’Unione o la Convenzione per la gestione associata dei servizi: tre funzioni da subito, altre sei entro la fine dell’anno. Il territorio dell’ex Comunità Montana Valli Po, Bronda e Infernotto si è così pronunciato: 9 Comuni hanno scelto l’Unione (Crissolo, Oncino, Ostana, Paesana, Sanfront, Gambasca, Castellar, Pagno e Brondello); 4 Comuni hanno scelto la Convenzione (Martiniana Po, Rifreddo, Revello ed Envie); Barge e Bagnolo non avevano l’obbligo di scegliere e non l’hanno fatto.
I comuni che hanno scelto l’Unione hanno dovuto predisporre uno Statuto, oggetto dell’approvazione del consiglio, le cui linee guida portanti sono state illustrate dal vice sindaco Emidio Meirone, che è anche assessore in Comunità Montana.
«Siamo il secondo Comune ad approvare lo Statuto, dopo Paesana. Devo ringraziare i sindaci che hanno elaborato questo Statuto, frutto di molti incontri e diverse riunioni. Credo che, alla fine, ci abbiano consegnato uno strumento snello e chiaro, frutto di un attento e proficuo lavoro, con il contributo di ciascuno. Uno Statuto leggero, che non rappresenta un cappio al collo per nessuno» ha sottolineato il vice sindaco.
Naturalmente la nuova Unione dei Comuni avrà una propria struttura. Sarà composta da 11 membri, un rappresentante per ciascun Comune, più due rappresentanti che saranno individuati tra le minoranze dei 9 Comuni. La sede del nuovo organismo sarà quella dell’attuale Comunità Montana Valli del Monviso. A presiedere l’Unione sarà il sindaco del Comune più grande, ovvero Paesana.
Tra gli altri punti approvati c’è stata la convenzione per la costituzione di una centrale unica di committenza per l’acquisizione di lavori, servizi e forniture. In pratica: tutti i lavori pubblici di importo superiore ai 40.000 euro devono essere gestiti da questa centrale unica di committenza, che coincide con l’Unione dei Comuni. Tale obbligo è stato prorogato alla fine dell’anno, ma l’adesione, come ha spiegato il vice sindaco, andava fatta e tanto valeva provvedervi fin da adesso.
Pieno sostegno del Consiglio Comunale di Sanfront, infine, alla proposta di legge regionale relativa alle "Norme per l’elezione del consiglio regionale e del presidente della giunta". Tale proposta, in estrema sintesi, prevedrebbe la ridefinizione dei Collegi uninominali per l’elezione del consiglio regionale. Questi Collegi sarebbero ridotti a 50, con una maggiore rappresentanza peró assicurata ai piccoli Comuni ed alle aree montane. Tra i proponenti di questa modifica ci sono i Comuni di Ostana e Canosio.


© 2014 Comune di SANFRONT - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI SANFRONT
Piazza Statuto, 2 - 12030 (CN)
Tel. 0175.948119
Fax 0175.948867
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004209
Codice catastale: H852
Codice fiscale:
85002210046
Partita IVA:
00564590040
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 18 M 06295 46770 T20990010046
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento