Sabato 19 Agosto 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico

Notizie
Una grande giornata quella che si è vissuta lo scorso 30 aprile a Pastrengo (Vr), in occasione delle celebrazioni per il 166° anniversario della Carica dei carabinieri a cavallo e del bicentenario della fondazione dell’Arma.
Un evento che viene ricordato ogni anno, ma che questa volta passerà alla storia per la sottoscrizione del primo «patto di amicizia» tra quattro Comuni che ha come elemento di unione l'Arma dei carabinieri.
L'atto è stato firmato nella sala consiliare del municipio dal sindaco di Pastrengo Mario Rizzi, promotore dell'iniziativa, e dai suoi omologhi di Sanfront, Roberto Moine e Fiesole, Fabio Incantasciato e dal vice sindaco di Fiumicino Anna Maria Anselmi che ha sostituito il sindaco Esterino Monti impegnato in Consiglio comunale.
«I Comuni di Fiesole, Fiumicino, Pastrengo e Sanfront, pur se geograficamente distanti tra loro, sono tutti strettamente legati all'Arma dei carabinieri» ha spiegato il sindaco Mario Rizzi.
A Pastrengo il 30 aprile 1848, avvenne la celebre Carica dei carabinieri a cavallo, che vide combattere eroicamente l'Arma benemerita contro le truppe austriache, in difesa di re Carlo Alberto di Savoia, così da meritare il conferimento della medaglia d'argento al valore militare. A Fiesole il 12 agosto 1944, tre carabinieri Alberto La Rocca, Fulvio Sbarretti e Vittorio Marandola vennero uccisi da un plotone d'esecuzione nazista. Col loro sacrificio risparmiarono la vita a dieci ostaggi catturati per rappresaglia dai tedeschi. Il gesto di La Rocca, Sbarretti e Marandola è stato insignito con la medaglia d'oro al valor militare. Fiumicino è stato invece teatro del sacrificio del vice brigadiere Salvo D'Acquisto che il 23 settembre 1943 si immoló al posto di 22 inermi cittadini che i nazisti avevano preso in ostaggio e stavano per fucilare. D'Acquisto, proclamato beato, in cambio della vita ottenne la libertà degli ostaggi. Alla sua memoria è stata conferita la medaglia d'oro al valor militare. Sanfront, infine, è il luogo d'origine della casata Negri di Sanfront cui appartiene il maggiore Alessandro Negri di Sanfront che comandó i tre squadroni di guerra artefici della storica Carica Pastrengo.
Quell'evento diede origine a legame che unisce l'Arma, la comunità di Pastrengo e quella di Sanfront, suggellata nel 2011 dal gemellaggio ufficiale sottoscritto tra i due Comuni.
La giornata ha visto presente anche il comandante generale dell'Arma dei carabinieri generale Leonardo Gallitelli.
«Un evento che mi ha personalmente riempito d’orgoglio e che credo abbia contributo a dare ulteriore lustro a Sanfront» ha sottolineato il sindaco Roberto Moine.


© 2014 Comune di SANFRONT - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI SANFRONT
Piazza Statuto, 2 - 12030 (CN)
Tel. 0175.948119
Fax 0175.948867
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004209
Codice catastale: H852
Codice fiscale:
85002210046
Partita IVA:
00564590040
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 18 M 06295 46770 T20990010046
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento