Lunedì 11 Dicembre 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico

Notizie
Il nuovo anno scolastico ripartirà il 12 settembre prossimo con la Scuola dell’infanzia paritaria. La notizia è ora certa: la statalizzazione, fortemente voluta dal sindaco Roberto Moine e dall’amministrazione comunale, non avverrà prima (forse) dell’anno scolastico 2012-2013.
La comunicazione ufficiale è giunta in Comune in questi giorni: la Regione Piemonte Direzione Istruzione ha reso note le nuove sezioni di Scuola dell’infanzia per l’anno scolastico 2011-2012 in Piemonte; tra queste Sanfront non c’è.
Una quarantina le nuove sezioni di scuola materna autorizzate, tra le quali una presso la Direzione Didattica di Saluzzo ed una presso l’Istituto Comprensivo di Barge. Altrettante circa le richieste ritenute "non ammissibili", diverse delle quali in Provincia di Cuneo.
La motivazione per cui non è stata statalizzata la Scuola dell’infanzia di Sanfront è molto chiara ed è dovuta alla "presenza di una scuola paritaria". A nulla sembra dunque essere valsa anche la decisione del Comune di dichiarazione formalmente terminata l’esperienza della Scuola paritaria il 30 giugno scorso.
Della statalizzazione si era parlato l’ultima volta in una recente assemblea aperta al pubblico, convocata dal Comune, durante la quale il sindaco Roberto Moine aveva dichiarato che, in ogni caso, a settembre la Scuola dell’infanzia avrebbe riaperto: se la statalizzazione avesse dovuto aver luogo sarebbe cominciata una nuova esperienza, altrimenti avrebbe proseguito lo "storico" Asilo Infantile "Guido Roccavilla".
Naturalmente la decisione della Regione di non autorizzare la statalizzazione della materna di Sanfront trova soddisfatti tutti coloro che, proprio in quella riunione, avevano auspicato che il passaggio da paritaria a statale non avesse luogo; primi fra tutti gli amministratori dell’Ente Asilo Infantile "Guido Roccavilla", che chiaramente avevano dichiarato di sperare nella prosecuzione della centenaria attività della materna paritaria.
Un po’ meno soddisfatti gli amministratori comunali, che avrebbero preferito la statalizzazione subito. Anche se c’è comunque qualche motivo per essere ottimisti.
"Prendiamo atto della decisione della Regione Piemonte di non autorizzare la statalizzazione della Scuola dell’infanzia di Sanfront, che proseguirà per un anno ancora come scuola paritaria. Abbiamo peró avuto conferma dai funzionari della Regione che Sanfront sarà al primo posto nella graduatoria per il prossimo anno, per cui ci sono fondate ragioni per ritenere che dall’anno scolastico 2012-2013 la Scuola dell’infanzia sarà statale" ha dichiarato il consigliere comunale di Sanfront con delega all’istruzione ed alle scuole, Annarosa Rudari.


© 2014 Comune di SANFRONT - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI SANFRONT
Piazza Statuto, 2 - 12030 (CN)
Tel. 0175.948119
Fax 0175.948867
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004209
Codice catastale: H852
Codice fiscale:
85002210046
Partita IVA:
00564590040
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 18 M 06295 46770 T20990010046
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento