Mercoledì 24 Maggio 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico

Notizie
Una veloce seduta quella del consiglio comunale riunitosi venerdì scorso 13 dicembre per l’esame di appena tre punti all’ordine del giorno. Una sorta di passaggio obbligato, in quanto si è resa necessaria una nuova approvazione dello Statuto definitivo e Atto Costitutivo dell’Unione Montana dei Comuni, a seguito delle modifiche richieste dalla Regione Piemonte allo Statuto stesso.
Ad illustrare la questione ha provveduto il vice sindaco Emidio Meirone, che è anche assessore in Comunità Montana, il quale ha seguito in prima persona l’iter dell’intero processo costitutivo dell’Unione dei Comuni, che sostituisce le "vecchie" Comunità Montane.
«La Regione Piemonte ha formulato dei rilievi sullo Statuto che avevamo predisposto, avendolo ritenuto in alcuni punti ridondante, visto che era stato preparato con molta cura, talvolta prefiggendosi di normare situazioni per le quali la Regione ritiene sufficiente la normativa già esistente» ha spiegato Emidio Meirone.
Molto tecnici i punti sui quali la Regione si è pronunciata, con particolare riferimento alle garanzie di presenza delle minoranze nell’ambito della nuova Unione dei Comuni, oltre alle regole che andranno adottate nel momento in cui i Comuni andranno al voto per rieleggere i rispettivi consigli comunali, tenuto conto che non tutti i Comuni votano con la medesima scadenza.
L’illustrazione del punto da parte del vice sindaco è stato esauriente ed ha convinto anche le minoranze a votare all’unanimità le modifiche allo Statuto dell’Unione dei Comuni.
L’ultimo punto riguardava la quarta variante al bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2013. L’illustrazione è stata affidata al sindaco Roberto Moine, il quale si è soffermato soprattutto sull’imprevista richiesta di conguaglio da parte dell’Enel per il servizio di pubblica illuminazione, relativo al periodo dal 2010 in poi.
In totale si tratta di una maggiore spesa molto consistente e pari a circa 20.000 euro. Il Comune, tenendo conto anche delle ristrettezze di bilancio, con questa variazione ha deciso di liquidare la metà della richiesta da parte di Enel, rinviando ad un successivo provvedimento il saldo finale.
Su questo punto, come al solito, trattandosi di bilancio, si è registrata l’astensione dei consiglieri di minoranza.
Gli auguri del sindaco hanno concluso la seduta.


© 2014 Comune di SANFRONT - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI SANFRONT
Piazza Statuto, 2 - 12030 (CN)
Tel. 0175.948119
Fax 0175.948867
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004209
Codice catastale: H852
Codice fiscale:
85002210046
Partita IVA:
00564590040
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 18 M 06295 46770 T20990010046
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento