consiglio

Descrizione

Il Comune intende conferire la cittadinanza onoraria al dott. Guido Roccavilla, membro della stimata famiglia sanfrontese, resosi protagonista di un bel gesto di attaccamento al paese con la generosa donazione che ha permesso il restauro del campanile della chiesa della Confraternita del Gonfalone, che si trova in piazza Statuto.

«Un gesto, quello compiuto dal dott. Roccavilla, che non ha soltanto una valenza religiosa, ma anche civile, visto che i campanili sono un punto di riferimento per l’intera comunità. Per tale ragione, abbiamo pensato, in occasione della prossima cerimonia di inaugurazione dei lavori di restauro del campanile della Confraternita, in accordo con il parroco, di conferire la cittadinanza onoraria al dott. Guido Roccavilla» ha spiegato il sindaco Emidio Meirone durante il consiglio comunale di lunedì 10 maggio.

Dal punto di vista formale si rendeva però necessario approvare un Regolamento per la concessione della cittadinanza onoraria, provvedimento che è stato adempiuto nella seduta consigliare.

Iniziativa lodevole, sulla quale ha convintamente concordato anche la minoranza approvando la proposta di delibera. Il sindaco ha aggiunto che, prossimamente, il Comune di Sanfront concederà anche la cittadinanza onoraria al milite ignoto, come già hanno fatto altri paesi.

Per il resto si è trattato di un consiglio piuttosto tecnico, che si è concluso in meno di mezz’ora.

È stato approvato dapprima lo scioglimento e poi la ricostituzione della convenzione per la gestione in forma associata del servizio di segreteria tra i Comuni di Revello, Trinità, Paesana, Sanfront e Castiglione Falletto. Per garantire la categoria più elevata possibile del servizio di segreteria è necessario che il Comune capo convenzione sia quello più grande. Finora l’Ente a ciò preposto era il Comune di Trinità. D’ora in poi, invece, sarà il Comune di Revello.

Sempre all’unanimità è stata approvata la ratifica ad una variazione di bilancio adottata in via d’urgenza dalla Giunta comunale. Pochi spostamenti significativi, tra questi: 2.700 euro di maggiori spese generali e di gestione e 4.500 euro di spesa per la redazione del piano di protezione civile predisposto a livello di Unione Montana, con costo ripartito tra i Comuni che vi fanno parte. Il sindaco ha precisato che, grazie all’Unione, i singoli Comuni hanno risparmiato parecchio per la stesura di tale piano.

Creazione

Inserito sul sito il sabato 15 maggio 2021 alle ore 08:27:46 per numero giorni 1065

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri